VEGGIE BURGER DI QUINOA, GUACAMOLE E PATATE CROCCANTI

foto (4)

Chi l’ha detto che un hamburger per essere buono deve essere per forza di carne?

Un veggie burger, è un semplice hamburger che non contiene carne, perciò vegetariano!

Si differenzia dalla versione vegana perchè contiene sia formaggio che burro, ovvero prodotti derivati da animali.

Il fatto che non contiene carne, lo rende molto leggero, povero di grassi ed alternativo, mantenendo le proprietà nutrizionali invariate.

Un panino di questo genere rappresenta un pasto completo, ma solo se gli ingredienti al suo interno sono bilanciati bene fra proteine, grassi e carboidrati.

. . . . . . . . . . . . . . .

Partecipando alla sfina INALPI di SARANNO FAMOSI,

 noi blogger, divise per squadra, abbiamo fatto e progettato un panino con gli ingredienti di una regione da noi scelta.

La notizia meravigliosa è che io e la mia squadra siamo in finale, per di più rappresentando la mia regione, l’ultima sfida sarà a Milano alla festa della rete, dal vivo!

La ricetta del nostro super PANINO CON SALSICCIA BURGER DI MORA ROMAGNOLA, PRIMO SALE DELLE VALLI DEL PIACENTINO E SCALOGNI ALL’ACETO BALSAMICO DOP

 la potete trovare QUI

Felice, spensierata, orgogliosa e con la voglia di cenare con un buon panino, ho voluto mettermi in cucina per fare un paninazzo light, ma con gusto!

Mi piace cucinare tante varianti di un piatto, quella di carne, quella vegana e perché no, magari anche quella crudista.

Ogni piatto ed ogni ingrediente ci insegna cosa ci piace e cosa no, non sono il tipo di persona che senza avere assaggiato o cucinato dice “Se è vegetariano fa schifo” anzi, mi diverto proprio a cercare ingredienti sostitutivi per rivisitare un piatto!

La quinoa è ricca di  proteine ed è molto energizzante, perciò è perfetta per i bambini e gli sportivi, inoltre si cucina in 10 minuti ed è molto versatile in ogni preparazione salata, a me piace anche in mezzo all’insalata! La sua alta percentuale proteica la rende perfetta per sostituire la carne e la potete trovare in ogni supermercato o negozio biologico.

Le patate invece, sono quelle novelle che la scorsa settimana abbiamo raccolto nel nostro orto, dunque, perchè friggere le patate se si possono fare al forno altrettanto buone e croccanti?

foto (14)

Ingredienti:

per il pane:

300 g di farina “0”

200 g di farina manitoba

50 g di burro

320 ml di latte intero

1/2 cubetto di lievito fresco

semi vari

1 pizzico di zucchero

5 g di sale fino

per il burger di quinoa:

150 g di quinoa

300 g di acqua

q.b. sale

q.b. olio

1 patata grossa

q.b. sesamo nero

1/2 zucchina

per le patatine croccanti:

4 patate

q.b. olio

q.b. sale

per la salsa guacamole:

1 avocado maturo

succo di 1/2 di limone

2 cucchiai di yogurt bianco intero

1/2 spicchio di aglio piccolo

1 pizzico di berberè

q.b. sale

finitura:

q.b. formaggio morbido di mucca

pomodori maturi

2 carote

Procedimento:

per il pane morbido:

-Mettete il lievito di birra con il latte a temperatura ambiente e lo zucchero nella planetaria, mischiate fino a quando si scioglie.

-Aggiungete anche la farina ed il sale fino.

panini al latte

-Fate sciogliere il burro a bagnomaria o al microonde poi lasciatelo raffreddare.

-Aggiungete a filo il burro nell’impastatrice a media potenza e fate incordare con il gancio per 5-10 minuti circa.

-Togliete l’impasto dalla planetaria e fate un giro di pieghe (foto).

-Girate di 90° il panetto e ripetete le pieghe per altre due volte, in totale tre giri.

panini al latte sofficissimi

-Chiudete il panetto ottenuto con i lembi verso sotto e fate lievitare 1 ora e mezza (2 ore in inverno) in forno spento con la luce accesa fino al raddoppio.

-Riprendete l’impasto sulla spianatoia, sgonfiatelo e dividete le pagnotte con un coltello

-Pirlate le pagnottelle e mettetele distanziate su una placca con carta da forno.

-Lasciate lievitare per 2-3 ore fino a più del raddoppio.

-Accendete il forno a 200° C statico.

-Spennellate la superficie dei panini con del latte e mettete i semini (io girasole, lino, papavero).

-Cuocete fino a doratura poi togliete dal forno e mettete le pagnotte su una grata o una spianatoia in legno.

per il burger di quinoa:

-Mettete in una pentolina la quinoa con il doppio del suo peso di acqua ed una presa di sale sul fuoco.

-Prima che l’acqua arrivi a bollore mettete il coperchio per trattenere tutto il vapore e fate cuocete per 10 minuti, poi spegnete il fuoco e lasciate intiepidire.

-In un’altra casseruola mettete la patata coprendola di acqua e fate bollire fino a cottura (20-30 min circa), è pronta quando si riesce ad infilzare la forchetta all’interno.

-In una ciotola mettete la quinoa con la parte più scura della zucchina tagliata a pezzettini piccoli (no l’interno con i semi).

coll2

-Aggiungete anche la patata e con una forchetta mischiate bene per amalgamare il tutto, assaggiate ed aggiustate di sale e pepe.

-Con un coppa pasta leggermente unto con dell’olio comprimete l’impasto per formare gli hamburger.

-Mettete del sesamo nero in superficie e passate in forno caldo a 200°C statico per far rosolare 10-15 min circa.

-Mettete una fetta di formaggio fresco su ogni hamburger e fatela sciogliere l’ultimo minuto.

coll3

per la salsa guacamole:

-In un boccale abbastanza alto mettete l’avocado maturo ben lavato e sbucciato con lo spicchio di aglio.

-Spremete il succo di limone e grattate appena poca scorza.

-Aggiungete il berberè (sostituibile con il peperoncino), lo yogurt, sale e pepe.

-Frullate tutto con il minipimer, mettete nella sac à poche e lasciate in frigo mezz’oretta.

-Tagliate i panini a metà e mettete il burger di quinoa lasciando sotto il formaggio, mettete la salsa guacamole ed i pomodori freschi tagliati fini.

coll4

-Pulite e lavate le carote, affettatele con l’attrezzo per sbucciarle e mettete le listarelle sopra i pomodori.

-Chiudete il panino ed infilate lo stecco per servire.

per le patate croccanti:

-Tagliate le patate a fettine sottilissime, conditele con abbondante sale ed olio e mettete in forno caldo a 220°C fino a doratura. Più sono sottili le patate ed il forno caldo e più verranno croccanti, l’importante è stenderle bene sulla placca e non mischiarle in cottura per evitare che si rompano.

coll5

Lo sapete che:

In questi burger ho messo una patata in sostituzione all’uovo, perchè l’amido delle patate amalgama facilmente gli altri ingredienti (poco meno dell’uovo).

Perciò, in qualsiasi polpetta o polpettone, se non volete mettere l’uovo per “alleggerire” il piatto, potete mettere una patata lessata!

foto (5)

. . . . . . . . . . . . . .

Questa era la mia pausa merenda, ora torno a fare una nuova ricetta per voi, e per la mia cena! A presto!

More from Lucia Sarti

TAGLIATA DI POLLO E PATATE LIGHT AL MICROONDE

La tagliata di pollo e patate è un secondo piatto di carne...
Read More

8 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *